00

Nessun prodotto

Spedizione gratuita!Spedizione
0,00€

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 articoli nel tuo carrello.Il tuo carrello contiene un oggetto.

Totale prodotti: 
Totale spedizione: Spedizione gratuita!: 
Tasse0,00€
Totale: 
Continua lo shoppingProcedi con il checkout

Quale tipo di integratore di vitamina C è il migliore? Del Dott. Levy

Una domanda che mi è stata posta numerose volte è "Che tipo di vitamina C dovrei prendere, e perché?"

Quale tipo di integratore di vitamina C è il migliore? Del Dott. Levy

Updated on

Una domanda che mi è stata posta numerose volte è "Che tipo di vitamina C dovrei prendere, e perché?" È una bella domanda, davvero. Diamo un'occhiata ai diversi tipi di vitamina C che possono essere trovati in molti degli integratori in capsule, polvere e liquidi disponibili oggi...

Va innanzitutto sottolineato che tutte le forme di vitamina C condividono la caratteristica di avere un catione con carica positiva e un anione con carica negativa, nella forma disciolta. Ciò che tutte le forme di vitamina C hanno in comune è che sono tutte composte da un anione ascorbato. È l'anione ascorbato ad essere la parte attiva, in grado di donare elettroni. Ed è la capacità dell'anione ascorbato di legarsi a diversi tipi di cationi che consente di produrre molte diverse forme di integratori di vitamina C. I cationi più conosciuti comprendono diversi minerali e un acido grasso chiamato palmitato. Questi cationi hanno un impatto biologico significativo, e questo deve essere tenuto presente quando si sceglie un integratore di vitamina C per bisogni sia a breve che a lungo termine.

Fattore di tolleranza dell'intestino

La vitamina C ha sia pro che contro quando si tratta di salute intestinale. Ogni individuo ha il proprio livello di "tolleranza intestinale" per la vitamina C, ovvero la dose superata la quale si verifica una crisi (diarrea). Gli individui inclini ad avere problemi intestinali hanno probabilmente una tolleranza intestinale inferiore rispetto a quelli che non hanno precedenti con tali problemi. Se il superamento del livello di tolleranza intestinale è ben tollerato, la quantità rimanente (non assorbita) di vitamina C passa nel colon prima che venga assorbita. Alcune forme di integratori di vitamina C hanno maggiori probabilità di innescare un fattore di tolleranza intestinale inferiore (acido ascorbico), mentre uno dei benefici della vitamina C liposomiale è che anche a dosi elevate non compaiono problemi di digestione, diarrea o vampate intestinali.

Acido Ascorbico

Questa è la forma più economica e diffusa di integratore di vitamina C disponibile. Ma ciò non significa che sia la forma migliore per quanto riguarda l'assorbimento. L'acido ascorbico è una forma più opportuna di vitamina C da assumere se non ci sono problemi gastrici. Poiché l'acido ascorbico è "acido", questa forma di vitamina C è spesso associata a un basso fattore di tolleranza dell'intestino tenue e quando assunto in dosi medio-alte provoca generalmente disagio o disturbi allo stomaco e vampate intestinali. Quindi, se si ha uno stomaco sensibile, un'ulcera, la colite, la sindrome da intestino irritabile o qualsiasi altra forma di disturbo intestinale o di infiammazione, questa non è la forma preferibile di vitamina C.

Ascorbati Minerali

La parte del leone di tutte le forme di vitamina C la fanno gli ascorbati minerali e gli ascorbati minerali più comuni utilizzati come integrazione di vitamina C comprendono:

  • Ascorbato di sodio
  • Ascorbato di calcio
  • Ascorbato di magnesio
  • Ascorbato di potassio
  • Ascorbato di manganese
  • Ascorbato di zinco
  • Ascorbato di molibdeno
  • Ascorbato di cromo

Ascorbato di sodio

L'ascorbato di sodio è probabilmente il migliore e certamente il meno costoso degli ascorbati minerali per l'integrazione regolare a dosi relativamente elevate. L'ascorbato di sodio è il tipo di vitamina C utilizzato negli integratori di vitamina C liposomiale. L'ascorbato di sodio è molto più delicato sull'intestino dell'acido ascorbico, quindi è ben tollerato da persone con problemi di stomaco e problemi digestivi e consente livelli più elevati di tolleranza intestinale.  

Va inoltre notato che grandi quantità di ascorbato di sodio possono essere assunte da chi soffre di ipertensione e malattie cardiache, senza causare ritenzione idrica o aumento della pressione sanguigna. Questo perché è il cloruro di sodio, e non il sodio associato ad un anione ascorbato, citrato o bicarbonato, che causa la ritenzione di liquidi e aggrava l'ipertensione in individui sensibili al sovraccarico di volume. L'espressione ipertensione "sodio-dipendente" deve essere sostituita da ipertensione "sodio cloruro-dipendente" o "sale-da-tavola-dipendente".

Tuttavia, dal momento che in biologia sembrano esserci sempre delle eccezioni a ogni regola, chiunque si accorga di una pressione sanguigna elevata o di un edema alla caviglia dopo elevate dosi di ascorbato di sodio dovrebbe passare a una diversa forma di vitamina C.

Ascorbato di calcio

L'ascorbato di calcio è leggermente più costoso ed è anche commercializzato come "estere" o vitamina "tamponata". Gran parte della popolarità di questa forma di vitamina C deriva dal fatto che molte persone sono alla ricerca di fonti extra di calcio oltre alla vitamina C. Questi prodotti in genere forniscono circa 100 mg di calcio per ogni 800 - 900 mg di acido ascorbico. Tuttavia, i dati scientifici fanno ritenere che la stragrande maggioranza della popolazione anziana soffra di tossicità da calcio. Continuiamo a essere bombardati da allarmi sull'aumento del rischio di osteoporosi, tuttavia i dati mostrano chiaramente che la maggior parte dei decessi nei pazienti con osteoporosi si riferiscono al sistema vascolare e non alle ossa. L'evidenza scientifica è molto chiara nell'affermare che il supplemento di calcio spesso alimenta la progressione dell'aterosclerosi, col conseguente aumento del rischio di infarto. Se è vero che l'ascorbato di calcio è delicato sullo stomaco, è altrettanto vero che anche l'ascorbato di sodio è tollerato facilmente, ma è più economico e non aggrava l'eccesso di calcio già presente nella maggior parte degli individui più anziani.

Magnesio Ascorbico

Il magnesio ascorbico è un'eccellente forma di vitamina C poiché porta nel corpo sia il magnesio che l'acido ascorbico, però il suo prezzo è più alto. Sebbene non vi sia nulla di sbagliato nell'assunzione di grandi quantità di ascorbato di magnesio, risulta più economico assumere il magnesio e l'ascorbato di sodio in modo separato e ottenere gli effetti ottimali di entrambi questi integratori.

Ascorbato di Potassio

Questa è un'altra buona forma di integratore di acido ascorbico, ma ha un potenziale rischio per la salute poiché può causare relativamente facilmente un sovradosaggio di potassio che può provocare aritmie cardiache fatali. Il potassio non dovrebbe mai essere assunto su base regolare se non consigliato o prescritto da un professionista.

Altri ascorbati minerali

Gli ascorbati di manganese, zinco, molibdeno e cromo sono ascorbati minerali che tendono ad essere molto più costosi. Tutti i cationi sono opportuni come integratori, ma possono essere facilmente sovradosati se usati per somministrare dosi multi-grammo di acido ascorbico. È molto più economico e più sicuro scegliere un ascorbato di sodio.

Palmitato di ascorbile

Il palmitato di ascorbile è un'altra forma di vitamina C che è in qualche modo unica in quanto ha qualità solubili in acqua e liposolubili. Questa forma di vitamina C viene reclamizzato da alcuni come un miglior apportatore di vitamina C rispetto all'ascorbato. Questo non è stato dimostrato, e anche se lo fosse, il palmitato di ascorbile sarebbe comunque un modo molto costoso per l'assunzione quotidiana di acido ascorbico. Le qualità liposolubili del palmitato ascorbile lo rendono una buona forma di vitamina C da includere in varie creme per la pelle e altri preparati dermatologici.

Ascorbato incapsulato nei liposomi

Uno dei principali benefici della vitamina C liposomiale è quasi totale assorbimento dell'ascorbato incapsulato nel flusso sanguigno. Le qualità fisiche del liposoma eliminano anche la necessità di attività digestiva prima dell'assorbimento, e le grandi dosi non provocano vampate intestinali. Inoltre, sembra avere un tasso di escrezione più lento e un fattore di assorbimento più alto. L'assorbimento potenziato insieme alla dose di fosfolipide assorbita, ha benefici eccezionalmente positivi e fornisce la migliore somministrazione intracellulare di vitamina C.

Le mie raccomandazioni

Per una integrazione giornaliera regolare, l'ascorbato di sodio è una forma economica e ben tollerata di vitamina C. Per coloro che desiderano avere un assorbimento quasi completo della loro dose di vitamina C, la forma liposomiale incapsulata di vitamina C è ottimale.

Nota: questo articolo è stato realizzato e curato da Food Scientist e dal terapista nutrizionale Susie Debice utilizzando estratti dal libro Death By Calcium e dall'articolo The Many Faces of Vitamin C, entrambi del Dr Thomas Levy MD.  

Bibliografia

  • Arad, Y., D. Newstein, F. Cadet, M. Roth, and A. Guerci (2001) Association of multiple risk factors and insulin resistance with increased prevalence of asymptomatic coronary artery disease by an electron-beam computed tomographic study. Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology 21(12):2051-2058.
  • Bangham, A. (1995) Surrogate cells or Trojan horses. The discovery of liposomes. Bioessays 17(12):1081-1088.
  • Christian, R., D. Dumesic, T. Behrenbeck, A. Oberg, P. Sheedy, and L. Fitzpatrick (2003) Prevalence and predictors of coronary artery calcification in women with polycystic ovary syndrome. The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism 88(6):2562-2568.
  • Gregoriadis, G. (1995) Engineering liposomes for drug delivery: progress and problems. Trends in Biotechnology 13(12):527-537.
  • Kiryu, S., V. Raptopoulos, J. Baptista, and H. Hatabu (2003) Increased prevalence of coronary artery calcification in patients with suspected pulmonary embolism. Academic Radiology 10(8):840-845.
  • Kruger, M. and D. Horrobin (1997) Calcium metabolism, osteoporosis and essential fatty acids: a review. Progress in Lipid Research 36(2-3):131-151.
  • Kurtz, T. and R. Morris, Jr. (1983) Dietary chloride as a determinant of "sodium-dependent" hypertension. Science 222(4628):1139-1141.
  • Kurtz, T., H. Al-Bander, and R. Morris, Jr. (1987) "Salt-sensitive" essential hypertension in men. Is the sodium ion alone important? The New England Journal of Medicine 317(17):1043-1048.
  • Raggi, P., B. Cooil, L. Shaw, J. Aboulhson, J. Takasu, M. Budoff, and T. Callister (2003) Progression of coronary calcium on serial electron beam tomographic scanning is greater in patients with future myocardial infarction. The American Journal of Cardiology 92(7):827-829.
  • Shaw, L., P. Raggi, E. Schisterman, D. Berman, and T. Callister (2003) Prognostic value of cardiac risk factors and coronary artery calcium screening for all-cause mortality. Radiology 228(3):826-833.
  • Tsugawa, N., T. Yamabe, A. Takeuchi, M. Kamao, K. Nakagawa, K. Nishijima, and T. Okano (1999) Intestinal absorption of calcium from calcium ascorbate in rats. Journal of Bone and Mineral Metabolism 17(1):30-36.
  • Wong, N., M. Sciammarella, D. Polk, A. Gallagher, L. Miranda-Peats, B. Whitcomb, R. Hachamovitch, J. Friedman, S. Hayes, and D. Berman (2003) The metabolic syndrome, diabetes, and subclinical atherosclerosis assessed by coronary calcium. Journal of the American College of Cardiology 41(9):1547-1553.