00

Nessun prodotto

Spedizione gratuita!Spedizione
£0.00

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 articoli nel tuo carrello.Il tuo carrello contiene un oggetto.

Totale prodotti: 
Totale spedizione: Spedizione gratuita!: 
Tasse£0.00
Totale: 
Continua lo shoppingProcedi con il checkout

Prenditi cura della salute del seno con la vitamina C

La vitamina C potrebbe davvero prevenire e ridurre il rischio di cancro al seno?

Prenditi cura della salute del seno con la vitamina C

Updated on

Alcune ricerche sostengono che la vitamina C potrebbe svolgere su più fronti un ruolo importante nella cura preventiva contro il cancro.

La terapista nutrizionale Jacqueline Newson si occupa di trovare delle prove che dimostrino quanto i cibi e le bevande che assumiamo possono influenzare sull'insorgenza del cancro.

I fatti…

Il cancro al seno è la patologia più comune tra le donne di tutto il mondo e in Europa è una delle forme di cancro con il più alto tasso di mortalità. In Europa, il numero di donne che contraggono la malattia con effetti fatali sembra sia in aumento. Nel 2012 ci sono stati circa 494.100 casi segnalati e si riteneva che 1 donna su 8 avesse la probabilità di sviluppare il cancro al seno prima che raggiungesse gli 85 anni di età. Tuttavia, le pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale ricevono spesso prognosi incoraggianti e, dopo trattamenti ortodossi, possono continuare a vivere senza ricadute.

Si ritiene che l'aumento dei casi di cancro al seno sia in parte dovuto alla combinazione di diversi fattori: stile di vita sedentario, aumento del peso e obesità, e altre cause come la maternità in età più avanzata e la diminuzione del numero di figli partoriti. È fondamentale poter diagnosticare il cancro in tempo, quindi prendi l'abitudine di controllare regolarmente il tuo seno (spesso il momento più semplice è mentre sei sotto la doccia o fai un bagno). 

Potere antiossidante

Il cancro si sviluppa quando i radicali liberi (molecole altamente reattive prodotte come risultato del normale metabolismo o dall'esposizione a tossine, malattie o raggi ultravioletti) danneggiano il DNA. Il DNA compromesso non viene riparato dal corpo. Per questo, le cellule danneggiate continuano a replicarsi senza controllo, causando la crescita di un nodulo o di un tumore.

Per questo è fondamentale avere una dieta ricca di frutta e verdura, poiché questi cibi contengono numerosi antiossidanti e, soprattutto, la vitamina C, sostanza che ha dimostrato di poter fornire degli effetti protettivi contro il cancro al seno.

Approfondimento sulla vitamina C

La vitamina C è un potente antiossidante che aiuta a proteggere le cellule dagli effetti dannosi dei radicali liberi. La vitamina C aiuta anche a riciclare un altro antiossidante, la vitamina E, creando una vitamina dinamica che continua attivamente a combattere i radicali liberi.

La letteratura medica che identifica i potenziali effetti antitumorali della vitamina C è in continuo aumento. Le ricerche documentate nel Journal of Scientific Reports hanno scoperto che la vitamina C aumenta l'attività di un composto chimico noto come 5hmC, sostanza capace di innescare la morte cellulare delle cellule tumorali nel seno. Infatti, la diminuzione di 5hmC nei valori sanguigni in concomitanza di un tumore al seno è considerata un biomarcatore per una prognosi sfavorevole.

In un altro studio recentemente condotto presso l'Università dello Iowa, è stato rilevato che le cellule tumorali sono vulnerabili alla vitamina C. È stato riscontrato che l'esposizione a dosi elevate di vitamina C ha reso le cellule tumorali più deboli e quindi più inclini alla morte cellulare.

Sfortunatamente, l'organismo umano non produce vitamina C. Per questo è essenziale rifornirsi di questa vitamina tramite il cibo.

Aumentare le dosi di Vitamina C

La soluzione migliore è aumentare l'assunzione di frutta e verdura, in particolare peperoni, broccoli, fragole, guava e cavolo. Nel caso in cui sia difficile ottenere la vitamina C tramite questi alimenti, è possibile assumere degli integratori alimentari. Tuttavia, gli integratori standard a base di vitamina C tendono ad avere una scarsa biodisponibilità: solo il 15% della sostanza arriva nel flusso sanguigno.

Le vitamine liposomiali come Altrient vitamin C permettono di ottenere un assorbimento decisamente maggiore. Infatti, è stato provato che grazie alla sua unica tecnologia liposomiale, Altrient vitamin C permette di assorbire un valore doppio di vitamina C nel sangue rispetto al valore teoricamente possibile con altri integratori a base di vitamina C da assumere per via orale. Per questo motivo, Altrient è un integratore altamente raccomandato.

Neutralizzare i radicali liberi

Scienziati ed esperti medici stimano che circa un terzo dei tumori più comuni potrebbe essere evitato tramite una dieta equilibrata, mantenendo un peso sano e facendo regolarmente esercizio.

Limitare l'esposizione ai radicali liberi

  • Evita l'esposizione eccessiva ai raggi solari UV
  • Smetti di fumare
  • Evita cibi bruciati
  • Riduci l'esposizione al mercurio limitando il pesce grasso a due porzioni alla settimana
  • Scegli detergenti e prodotti di bellezza naturali
  • Evita prodotti profumati contenenti ftalati (interferenti ormonali)
  • Mangia cibi biologici, se possibile
  • Apri le finestre: l'inquinamento dell'aria interna può, in alcuni casi, essere significativamente maggiore dell'inquinamento atmosferico esterno

Mantenere un peso sano

La maggior parte delle persone sa che mantenere un peso sano riduce il rischio di molte malattie e questo vale soprattutto per il cancro al seno. I risultati della ricerca mostrano che circa il 25-33% dei casi di cancro al seno riguarda donne con un indice di massa corporea superiore a 30.

Fare regolarmente esercizio

Si stima che il 10-16% dei casi di tumore al seno siano riconducibili a uno stile di vita sedentario e alla mancanza di esercizio fisico.

L'influenza dell' alcol

Prove scientifiche dimostrano che persino un'assunzione minima di alcol (ad esempio una bevanda alcolica al giorno) possa aumentare il rischio di cancro al seno del 5% rispetto a chi non assume alcol.

Tieni sotto controllo gli zuccheri!

Diverse ricerche hanno dimostrato che vi è un collegamento importante tra livelli glicemici elevati e risultati più sfavorevoli per le donne con cancro. I dati dimostrano che l'insulina e il fattore di crescita insulino-simile (IGF) promuovono la crescita del tumore nei tessuti mammari. L'IGF-1 è secreto in risposta a livelli elevati di insulina, dovuti all'aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Proteine, grassi e fibre aiutano a rallentare l'assorbimento degli zuccheri dagli alimenti e aiutano a ridurre i picchi di insulina. Degli alimenti ottimi per questo scopo sono, ad esempio: noci, semi, avena, fagioli, avocado, olio d'oliva, yogurt, pollo, pesce, frutta e verdura.

Quattro passaggi per migliorare la glicemia

  1. Evita cibi zuccherati
  2. Evita prodotti alimentari altamente lavorati
  3. Evita stimolanti come caffeina, sigarette e alcol
  4. Assumi proteine ​​di buona qualità, grassi sani e fibre a ogni pasto

Pensaci due volte prima di assumere ormoni sintetici.

Gli ormoni sintetici si trovano nella terapia ormonale sostitutiva (HRT) e nella pillola anticoncezionale. Molte donne optano per la terapia ormonale sostitutiva per attenuare i sintomi associati alla menopausa. Il tuo medico può fornirti tutte le informazioni necessarie per comprendere i rischi associati agli ormoni sintetici, soprattutto se in famiglia vi sono stati episodi di cancro al seno. L'NHS mette a disposizione degli ormoni biosintetici che comportano rischi decisamente inferiori e dei quali puoi discutere con il tuo medico.

Jacqueline Newson Terapista nutrizionale

Bibliografia

  1. Aral Y et al. The effect of acupuncture on postmenopausal symptoms and reproductive hormones: a sham controlled clinical trial. Acupunct Med 2011; 29:27–31.
  2. Ashworth A, Britt K, Smalley M. Pregnancy and risk of breast cancer. Endocr Relat Cancer 2007; 14 (4): 907-33.
  3. Beyer J, Diederich C, Schulz G & Wakhloo AK. Effect of dietary fat on blood sugar levels and insulin consumption after intake of various carbohydrate carriers in type I diabetics on the artificial pancreas. Dtsch Med Wochenschr. 1984; 109(42):1589-94.
  4. Das AB & Vissers MCM. Potential Mechanisms of Action for Vitamin C in Cancer: Reviewing the Evidence. Frontiers in Physiology. 2018; 9:809.
  5. https://www.europadonna.org/breast-cancer-facs/ [ultimo accesso 29/09/18]
  6. https://breastcancer-matters.eu/breast-cancer-disease-many-faces [ultimo accesso 29/09/18]
  7. https://www.breastcancercare.org.uk/information-support/have-i-got-breast-cancer/checking-your-breasts  [ultimo accesso 09/10/18]
  8. https://www.cancer.gov/about-cancer/causes-prevention/risk/hormones/reproductive-history-fact-sheet [ultimo accesso 09/10/18]
  9. https://www.cancer.org/cancer/breast-cancer/about/what-is-breast-cancer.html [ultimo accesso 09/10/18]
  10. Klimant E, Wright H, Rubin D, Seely D, Markman M. Intravenous vitamin C in the supportive care of cancer patients: a review and rational approach. Current Oncology. 2018; 25(2):139-148.
  11. Sant DW, Mustafi S, Gustafson CB, Chen J, Slingerland JM, Wang G. Vitamin C promotes apoptosis in breast cancer cells by increasing TRAIL expression. Scientific Reports. 2018; 8: 5306.